Medicina e prevenzione – paginemediche.it: patologie, esami, terapiemedicinaeprevenzione.paginemediche.it

Pubblicità
 
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking
Malattie infettive
Patologie opportunistiche

Polmonite da Pneumocystis carinii

Caratteristiche generali

Nel primo decennio dell'epidemia di AIDS la polmonite da Pneumocystis carinii (PCP) è stata la più frequente tra le infezioni opportunistiche maggiori, in quanto interessava circa l'80% dei pazienti con grave immunodeficienza HIV correlata. Il numero di casi di PCP è poi diminuito nel corso degli anni '90, inizialmente in seguito all'impiego della profilassi primaria nei pazienti ad alto rischio (cioè con CD4 < 200), e soprattutto in seguito grazie alla disponibilità di potenti terapie antiretrovirali.

Pneumocystis carinii (PC) è un microrganismo di circa 1,5-5 micron, originariamente classificato come protozoo in base alle sue caratteristiche morfologiche ed alla sensibilità ai farmaci antiprotozoari; da studi genetici più recenti sembra invece che PC appartenga al genere dei funghi. E' ubiquitario in natura, anche se possono esistere differenze nella sua distribuzione geografica.

L'infezione si stabilisce quando il patogeno raggiunge gli alveoli polmonari, dove si replica come un parassita extracellulare (non invade le cellule o i tessuti). L'interessamento dell'interstizio polmonare comporta una riduzione degli scambi gassosi, con conseguente riduzione della disponibilità di ossigeno per l'organismo.

Quadro clinico e diagnosi

La tipica sintomatologia d'esordio è data dalla presenza di febbre, tosse non produttiva e dispnea (difficoltà alla respirazione); sono solitamente presenti anche tachicardia, tachipnea e a volte cianosi (colorito violaceo della cute e delle mucose, provocato dalla carenza di ossigeno, e solitamente più evidente a livello delle labbra e del letto subungueale).



La radiografia del torace mostra un tipico quadro di polmonite interstiziale o alveolo-interstiziale; l'emogasanalisi mostra abitualmente una riduzione dell'ossigenazione del sangue arterioso. Questi parametri (quadro clinico, radiografia e ridotta ossigenazione del sangue) consentono, in un paziente HIV positivo con CD4 < 200, la diagnosi presuntiva di PCP (cioè senza la dimostrazione diretta dell'agente patogeno).

La diagnosi di certezza viene effettuata mediante ricerca diretta del PC sull'escreato indotto (cioè raccolto dopo areosol con soluzione fisiologica per 5-10 minuti), con una sensibilità diagnostica del 30-90%, oppure sul liquido di lavaggio broncoalveolare dopo broncoscopia, che risulta diagnostico nel 98-100% dei casi; la diagnosi può anche essere posta mediante esame istologico di biopsia polmonare transbronchiale (sensibilità diagnostica del 90-95%).

Riferimenti bibliografici

  1. Frame P. Pneumocystis carinii infection and AIDS. In: Crowe S, Hoy J, Mills J, eds. Management of the HIV-Infected Patient. New York, NY: Cambridge University Press, 1996; pp.298-315.
  2. Palella FJ et al. Declining morbidity and mortality among patients with advanced human immunodeficiency virus infection. N Engl J Med 1998; 338:853-860.
  3. U.S. Public Health Service (USPHS) and Infectious Diseases Society of America (IDSA): 1999 USPHS/IDSA Guidelines for the Prevention of Opportunistic Infections in Persons Infected with Human Immunodeficiency Virus.
  4. MMWR Recommendations and Reports, August 20, 1999 / Vol. 48 / No. RR-10. Disponibile al sito: http://www.hivatis.org Schneider MME, Borleffs JCC, Stokl RP et al: Discontinuation of Pneumocystis carinii pneumonia prophylaxis in HIV-1 infected patients treated with highly active antiretroviral therapy. Lancet 353:201-3, 1999.Weverling GJ, Mocroft A, Ledergerber B, et al: Discontinuation of Pneumocystis carinii pneumonia prophylaxis after start of highly active antiretroviral therapy in HIV-1 infection. EuroSIDA Study Group. Lancet 353:1293-8, 1999. Furrer H, Egger M, Opravil M, et al: Discontinuation of primary prophylaxis against Pneumocystis carinii pneumonia in HIV-1-infected adults treated with combination antiretroviral therapy. N Engl J Med 340:1301-6, 1999.

Segnala il termine che stai cercando
Data pubblicazione mer, 19 feb 2014
Data ultima modifica mer, 19 feb 2014
Pubblicità
Il Glossario di paginemediche.it
Pubblicità