Medicina e prevenzione – paginemediche.it: patologie, esami, terapiemedicinaeprevenzione.paginemediche.it

Pubblicità
 
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking
Ematologia
Esami di laboratorio

Bilirubina

Che cos'è

La bilirubina è il principale prodotto di degradazione dell’emoglobina. Si divide in bilirubina diretta o coniugata (idrosolubile e può esser escreta dalla bile) e indiretta o non coniugata (solo parzialmente solubile).

Top

Valori

I valori normali per la bilirubina totale oscillano tra 0,2 e 1,1 mg/dL. La bilirubina diretta (o coniugata) post-epatica non dovrebbe superare gli 0,3 mg/dL; quella indiretta (non coniugata) pre-epatica dovrebbe restare entro gli 0,8 mg/dL.

Quando i valori di bilirubina totale superano i 2-2,5 mg/dL compare l’ittero, caratterizzato da colorazione gialla della cute e delle sclere. L’assenza di bilirubina nelle urine suggerisce che l’ittero sia dovuto ad un aumento della bilirubina non coniugata.

Un aumento della bilirubina totale può essere dovuta a colestasi, danno epatocellulare, aumentata emolisi, sindrome di Gilbert. Valori elevati di bilirubina diretta sono causati da un'ostruzione del flusso biliare (dovuta a colestasi epatica, colestasi gravidica, carcinoma del pancreas, malattie parassitarie).

Una diminuzione della bilirubina - sia della totale che della diretta - può essere indice di anemia aplastica, anemia sideropenica o di un abuso di barbiturici.

 

Scheda revisionata da:

Dott.ssa Monica Caddeo

Medico di Medicina Generale

Segnala il termine che stai cercando
Data pubblicazione mer, 23 gen 2013
Data ultima modifica mer, 23 gen 2013
Pubblicità
Il Glossario di paginemediche.it
Pubblicità