Medicina e prevenzione – paginemediche.it: patologie, esami, terapiemedicinaeprevenzione.paginemediche.it

 
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking
Ematologia
Esami di laboratorio

Bilirubina

Che cos'è

La bilirubina è il principale prodotto di degradazione dell’emoglobina. Si divide in bilirubina diretta o coniugata (idrosolubile e può esser escreta dalla bile) e indiretta o non coniugata (solo parzialmente solubile).

Top

Valori

I valori normali per la bilirubina totale oscillano tra 0,2 e 1,1 mg/dL. La bilirubina diretta (o coniugata) post-epatica non dovrebbe superare gli 0,3 mg/dL; quella indiretta (non coniugata) pre-epatica dovrebbe restare entro gli 0,8 mg/dL.

Quando i valori di bilirubina totale superano i 2-2,5 mg/dL compare l’ittero, caratterizzato da colorazione gialla della cute e delle sclere. L’assenza di bilirubina nelle urine suggerisce che l’ittero sia dovuto ad un aumento della bilirubina non coniugata.

Un aumento della bilirubina totale può essere dovuta a colestasi, danno epatocellulare, aumentata emolisi, sindrome di Gilbert. Valori elevati di bilirubina diretta sono causati da un'ostruzione del flusso biliare (dovuta a colestasi epatica, colestasi gravidica, carcinoma del pancreas, malattie parassitarie).

Una diminuzione della bilirubina - sia della totale che della diretta - può essere indice di anemia aplastica, anemia sideropenica o di un abuso di barbiturici.

 

Scheda revisionata da:

Dott.ssa Monica Caddeo

Medico di Medicina Generale

Segnala il termine che stai cercando
Data pubblicazione mer, 23 gen 2013
Data ultima modifica gio, 30 ott 2014
Il Glossario di paginemediche.it