Medicina e prevenzione – paginemediche.it: patologie, esami, terapiemedicinaeprevenzione.paginemediche.it

Pubblicità
 
Dimensione carattere: A |A|A Stampa 
Invia ad un amico
digg bookmarking del.icio.us bookmarking LinkedIn bookmarking Technorati bookmarking facebook bookmarking Altri Network di Social Bookmarking
  • google bookmarking
  • yahoo bookmarking
  • reddit bookmarking
  • furl bookmarking
  • blogmarks bookmarking
  • blinklist bookmarking
  • simpy bookmarking
  • netvouz bookmarking
  • Windows Live bookmarking
Nefrologia

Esami delle urine

Introduzione

L'urina è il liquido prodotto dai reni per eliminare dall'organismo i prodotti di scarto e l'eccesso di acqua. L'emissione di urina viene definita diuresi. L’esame delle urine permette di diagnosticare disfunzioni a carico dei reni, ma anche vari disordini cardiaci, epatici e metabolici.

Top


Come si esegue

Ci sono due tipi diversi di raccolta dell'urina, a seconda del tipo di esame da eseguire: il campione estemporaneo consiste nella raccolta delle prime urine del mattino; il campione temporizzato, invece, raccoglie le urine emesse nell'arco di 24 ore.

L'urina va raccolta e conservata in appositi contenitori sterili dopo aver eseguito un'accurata igiene dei genitali, soprattutto per le donne, che dovrebbero astenersi durante il periodo mestruale.

Per una corretta analisi, il campione estemporaneo deve essere raccolto da non più di due ore, mentre il campione temporizzato va conservato in frigorifero per tutta la durata della raccolta.


Esame fisico

Volume: in un adulto varia da 1200 a 1500 ml nell'arco delle 24 ore. Un aumento del volume delle urine può essere dovuto all'assunzione di diuretici, patologie renali croniche, diabete; una diminuzione a disidratazione o a patologie renali.

Colore: in condizioni normali l'urina ha un colore giallo-paglierino o ambra. Diventa giallo oro in caso di assunzione di antibiotici o vitamine; giallo-arancio quando c'è un eccesso di urobilinogeno; marrone per la presenza di bilirubina; rosso limpido per la presenza di emoglobina, mioglobina o porfirine; rosso torbido per la presenza di sangue o di urati; bruno-nerastro per la presenza di metaemoglobina, alcaptonuria, melanina; blu-verde per la presenza di indacani o in seguito ad infezione da pseudomonas. L'assunzione di alcuni alimenti o farmaci può modificare il colore dell'urina.

Aspetto: in condizioni normali l'urina è trasparente. E' torbida in presenza di carbonati, fosfati, acido urico, proteine, globuli bianchi, batteri, spermatozoi; è lattescente in caso di piuria; può contenere precipitati per presenza di fosfati e urati.

Odore: le urine possono odorare di ammoniaca in caso di infezione batterica.

Densità: è compresa tra 1010 e 1030; una diminuzione è segno di insufficienza renale cronica.


Esame chimico

pH: varia da 5,5 e 7,5; può arrivare a 4,5 in caso di dieta a base di carne o a 8,0 in chi segue una dieta vegetariana.

Glucosio: se la glicemia supera i 180 mg/dl si può avere glicosuria, anche se la soglia di passaggio dello zucchero nell'urina è personale.

Proteine: deve essere inferiore a 15 mg/dl; in gravidanza può raggiungere anche i 50 mg/dl. La proteinuria patologica può essere minima (0,5 g/l) nella calcolosi renale, nel rene policistico e nella glomerulonefrite cronica; moderata (da 0,5 a 4 g/l) nella nefropatia diabetica, nella glomerulonefrite cronica o acuta, nella sindrome nefrosica e nel mieloma multiplo; è grave (superiore a 4g/l) nella glomerulonefrite acuta, nel lupus eritematoso e nella sindrome nefrosica.

Emoglobina: in condizioni normali è assente; indica presenza di sangue nelle urine.

Corpi chetonici: la loro presenza si può riscontrare nelle donne in gravidanza, nei bambini in seguito ad episodi febbrili o in presenza di diabete mellito.

Bilirubina: sostanza di colore giallo-rosso prodotta dalla scissione dell’emoglobina, pigmento rosso presente nei globuli rossi del sangue. In condizioni normali dovrebbe essere assente; la sua presenza indica danno epatico, carcinoma del pancreas, epatiti virali o ittero.

Urobilinogeno: in condizioni normali non supera lo 0,2 mg/dl; un aumento indica danno epatico, emolisi o stipsi; una diminuzione si verifica in caso di ostruzione biliare, transito intestinale accelerato o assunzione di antibiotici.


Esame microscopico

Ematuria: la presenza occasionale di globuli rossi può essere dovuta ad intenso sforzo fisico, forti stati emozionali o esposizione a basse temperature; in caso di persistenza occorre rivolgersi al medico curante per approfondimenti.

Leucocituria: la presenza di leucociti indica un processo infiammatorio o infettivo (vaginite, cistite, uretrite, ecc).

Cilindruria: i cilindri sono agglomerati di proteine e di altri elementi che si formano nei tubuli renali. La loro presenza può indicare disfunzioni renali.

Sali e cristalli: se in forte quantità, possono indicare una calcolosi renale.

Calcoli: sono indice di ipercalciuria idiopatica, iperparatiroidismo o iperossaluria (sali di calcio).

Conta di Addis: in condizioni normali, nel corso di 24 ore vengono eliminati con le urine 1 milione di globuli rossi, 2 milioni di globuli bianchi e fino a 10mila cilindri ialini.


Valori standard

Colore Giallo
Aspetto Limpido
pH 5,5-7,5
Glucosio <10 mg/dl
Proteine <15 mg/dl
Emoglobina Assente
Corpi chetonici Assenti
Bilirubina Assente
Urobilinogeno <0,20 mg/dl
Leucociti Assenti
Peso specifico 1010-1030


L’esame delle urine può dare risultati diversi da quelli standard, ma non significa necessariamente che sia dovuto ad una malattia: è importante non allarmarsi e far valutare i risultati delle analisi da un medico.

 

Scheda revisionata da:

Dott. Enzo Brizio
- Medico di famiglia

 

Segnala il termine che stai cercando
Data pubblicazione mer, 18 dic 2013
Data ultima modifica mer, 18 dic 2013
Pubblicità
Il Glossario di paginemediche.it